Love & Comics – Another Story

Amici

La preparazione degli esami di ammissione all’università è più dura di quel che pensassi. La preparazione del festival scolastico mi ha portato via un sacco di tempo e ora sono parecchio indietro. Inoltre la scuola preparatoria che sto seguendo è molto difficile. Non ho mai avuto grossi problemi negli studi, ma per superare gli esami di ammissione a medicina mi sono dovuta iscrivere a dei corsi avanzati specifici che mi stanno portando via un sacco di tempo.

– Anche per oggi è finita. Finalmente è arrivato il finesettimana e posso riposarmi un po’.

– Ishimaru-chan, anche oggi verrà a prenderti il tuo ragazzo?

– Vi ho già detto che Matsuo-kun non è il mio ragazzo, è solo un amico.

– A me non sembra che sia solo un amico. Sei pure arrossita.

È tutta colpa di Matsuo-kun. Viene a prendermi ai corsi serali quasi tutti i giorni. Però devo ammettere che mi fa piacere. Parliamo del più e del meno, di cosa ci è successo durante la giornata e sfoghiamo eventuali problemi.

– Ora è meglio che vada altrimenti si fa tardi.

– Non farlo aspettare. Ma lo sai che per lui tu non sei una semplice amica, vero?

– Sì, lo so. Ora basta parlare di lui. Non avete nessun altro di cui sparlare?

– Come sei irascibile. Secondo me non ce la racconti giusta. Ma non eri in ritardo?

– Sì, giusto. A domani.

Non dico che Aruka-chan sia insopportabile, ma a volte esagera. Abbiamo preso subito abbastanza confidenza, solo che quando inizia a parlarmi così non so come uscirne. Natsu-chan almeno evita certi discorsi davanti a tutti. Mi parla così solo se siamo tra noi.

Matsuo-kun oggi sembra che non sia venuto. Gli ho detto io che non è necessario che venga tutti i giorni ma oggi che non c’è non so perché ma mi sento triste.

– Chiaki-chan, sono qui. Scusa il ritardo.

È lui. È venuto anche oggi. Mi sento stranamente felice.

– Pensavo che oggi non venissi. Hai avuto qualche problema?

– Ho fatto tardi all’università. Ci siamo trovati tutti per studiare e non mi sono accorto che era così tardi.

– Ma lo sai che non devi trascurare lo studio. Non devi per forza venire tutti i giorni.

– Lo so benissimo, ma ormai era diventata ingestibile la situazione. Diciamo che avrei studiato meglio da solo. Ho preferito andarmene.

– Se dovessi venire a sapere che non ti dedichi allo studio per colpa mia non te lo perdonerei.

– Non preoccuparti. Ti prometto che studierò sempre a sufficienza. Andiamo ora?

– Sì.

Dall’esterno forse è vero che sembriamo una coppia. Lo conosco sempre meglio e devo ammettere che credo di aver capito cosa provo per lui. Però ora non voglio cambiare le cose. Devo pensare agli esami e rischio di distrarmi se dovesse succedere qualcosa tra noi. Se però mi chiedesse di nuovo di uscire, forse accetterei.

– Chiaki-chan, ti vedo pensierosa. Qualche problema?

– No, pensavo solo a quello che mi ha detto la mia compagna… Ma non è nulla di importante, non farci caso.

– Ora mi hai incuriosito. Che ti ha detto?

– Ha detto che tu sei il mio ragazzo. Io però le ho subito detto che non era vero e che siamo solo amici, ma continuava ad insistere.

– Se ti crea problemi potrei evitare di venire proprio davanti a scuola. Magari ci incrociamo a metà strada. Non voglio che la cosa diventi un fastidio per te.

– Nessun fastidio. Può dire quello che vuole quella. Non mi interessa.

– Mi raccomando però, se è un problema dimmelo. Forse non è normale che un amico ti venga a prendere tutti i giorni.

– Non è colpa tua. Puoi fare quello che vuoi. E poi mi fa piacere parlare con te.

Ormai ne sono sicura. Quello che provo per Matsuo-kun è diverso da quello che provavo e che ancora provo per Hiro-kun. Non so se questo è amore, so solo che vederlo mi rende felice e quando non c’è mi manca. Dovrei trovare il coraggio di dirglielo ma non so come fare. Dovrei parlarne con qualcuno che riesca a consigliarmi.