Intervista: Vita da Cosplayer di Giuseppe Deishu

Bentornati a tutti alla rubrica Vita da Cosplayer!

La settimana scorsa abbiamo avuto ospite la mia concittadina Moony, mentre questa volta conosciamo un bravissimo cosplayer, Giuseppe Deishu.


Shinji Kakaroth: Ciao potresti presentarti ai nostri lettori?

Giuseppe: Ciao! Mi chiamo Giuseppe Lamonica (Giuseppe Deishu su FB), abito a Como e nella vita sono un Web Designer.


Shinji Kakaroth: Puoi parlarci un po’ di te e di come è nata questa passione per il Giappone e il cosplay e da quanto fai cosplay?

Giuseppe: “Passione per il Giappone” è forse troppo per me, in quanto sono appassionato davvero tanto di cosplay, ma del Giappone in generale un po’ meno. Com’è nato il tutto? È ironico. È nato litigando su un Forum di Naruto 7 anni fa. Spesso come ben sapete, sui forum vengono spammati siti contro il regolamento e uno di questi siti non mi convinceva molto, quindi data la mia deformazione professionale ho fornito il mio disappunto costruttivo. Non mi sarei mai aspettato che il webmaster del sito in questione fosse iscritto, fatto sta che ha risposto ponendomi una sfida: “Se sei così tanto bravo, allora fallo tu“.

Non avendo nulla da nascondere ho accettato questa sua provocazione, ed oltre ad essere nata una collaborazione per il medesimo sito, in poco tempo siamo riusciti a scalare la classifica di google apparendo come secondo risultato su google! Questa persona era un cosplayer e mi ha contagiato, iniziando a farmi fare cosplay con lui! Il mio primo fu Gaara da Naruto. Inutile dire che, un po’ come tutti i primi cosplay, lasciava un po’ a desiderare (per essere eleganti e poco scurrili) ;D La prima volta è stata davvero bella, nel lontano 2007. Staccare dalla realtà fa bene a tutti… interrompere la routine, problemi quotidiani. Grazie alla collaborazione e conoscenza, questa persona mi ha fatto entrare per caso in questo mondo pieno  di colore!


Shinji Kakaroth: Hai avuto qualcuno che ti ha aiutato all’inizio di questo hobby, dandoti consigli?

Giuseppe: Sinceramente no, mi piace molto studiarmi “l’estetica” delle cose, come nel design, anche nel cosplay. Mi piace pasticciare e fare prove, trovo molto costruttivo “Imparare Distriggendo“! :))

Shinji Kakaroth: Quanti cosplay hai indossato fino ad ora?

Giuseppe: Bella domanda! Ho del tempo per contare? ;D

Vediamo un po’… non tantissimi. Includerò quelli meglio riusciti, in quanto con alcuni ero davvero alle prime armi!
Sora – No Game No Life
Araragi Koyomi – Bakemonogatari
Kirito – Sword Art Online
Sebastian Michaelis – Kuroshitsuji
Lelouch Vi Britannia – Code Geass
Cloud Strife – Final Fantasy VII
Noctis – Final Fantasy XV
Edge Maverick – Star Ocean: The Last Hope
Aomine Daiki – Kuroko no Basket
Kakashi – Naruto
Sasuke Uchiha – Naruto
L – Death note

Shinji Kakaroth: I tuoi cosplay li fai personalmente o li acquisti?

Giuseppe: Un cosplay è composto da molte parti e materiali, quindi suddividerò il tutto: quello di cui mi occupo sono accessori, armi, armature e parrucche!  Solo la parte “Stoffa” non è fai-da-te nei miei cosplay! :))

Di solito commissiono questa parte a persone ferrate nel cucito. Vi lascio la loro pagina! Daisy Cosplay è una ragazza davvero carina e disponibile, per non parlare del suo talento e precisione nella realizzazione di costumi!

CosplaycommissionTime è un ragazzo rapido e preciso nella realizzazione dei costumi, ed i suoi prezzi sono davvero contenuti! Bravissimo e disponibilissimo!


Shinji Kakaroth: Ne hai mai fatti su commissione?

Giuseppe: Faccio abitualmente commissioni su armi/accessori/armature/parrucche, ma non possiedo una pagina facebook né un sito internet per la vendita, non ho una vera e propria “attività sforna cosplay“! :))

Shinji Kakaroth: Quanto tempo ci vuole per realizzare o mettere assieme un cosplay?

Giuseppe: Dipende tutto dal cosplay. Se parliamo di armature come la mia di Edge Maverick, sono circa un 3 o 4 settimane di lavoro, mentre se parliamo di costumi con stoffe e accessori, ha tutto un tempo variabile ma solitamente non sfora i 7 giorni.


Shinji Kakaroth: Qual è stato il cosplay più complicato da indossare e quanto tempo ci vuole solitamente per truccarsi e indossarlo?

Giuseppe: Più complicato… decisamente Edge Maverik. Armatura spaziale e futuristica, quel cosplay è composto da 15 parti indossabili (escludendo la parrucca!), ed ho sempre avuto bisogno di qualcuno che mi desse una mano nella fase di “montaggio“. ;D Non faccio cosplay che richiedono un facepaint o simili, l’unico che l’ha richiesto è stato Aomine Daiki, mi son dovuto far aiutare da una seconda persona per colorarmi la pelle, in quanto non potevo di certo raggiungere la schiena con facilità. :))

Shinji Kakaroth: Ricordi qual è stato il primo cosplay che hai fatto e che hai provato?

Giuseppe: Il mio primissimo cosplay in assouto è stato Gaara di Naruto. Ricordo che mi sono scervellato per fare la giara che ha sulla schiena, ed alla fine ho comprato due sfere grandi in polistirolo, di dimensioni ovviamente diverse, le ho unite e rivestite con della cartapesta per dare un effetto “vissuto”, non troppo preciso ma delineato. Mi viene ancora da ridere se penso che ora potrei fare una cosa simile in poche ore, con materiali corretti e con una  metodologia e precisione ANNI LUCE migliori… Pasticciando s’impara! ;D


Shinji Kakaroth: Qual è stato il cosplay che ti è piaciuto di più tra quelli che hai fatto?

Giuseppe: Sono parecchio affezionato a tutti i miei costumi e sono geloso del mio lavoro, quindi li dovrei davvero mettere tutti sullo stesso piano! Posso usare come canone di valutazione “il piu difficile da realizzare” ed il “il piu somigliante“.

Per il più difficile o, per meglio dire, il più laborioso e quello che ha richiesto più pazienza è stato Edge Maverick: per intenderci, è stato un mese di lavoro!

Per quanto riguarda invece la soggettiva somiglianza, mi vedo meglio nel cosplay di Sebastian Michaelis e Sasuke Uchiha: mi piacciono sicuramente i personaggi con un concept un po’ “dark” e mi rivedo fisicamente molto in loro! Ma è ovviamente un parere soggettivo :))


Shinji Kakaroth: Qual è stato l’ultimo cosplay che hai fatto e per quale evento l’hai realizzato?

Giuseppe: L’ultimo cosplay che ho realizzato è stato Sora di “No Game No Life”. Era da un pò che non riuscivo  fare cosplay per via di alcuni problemi, quindi ho preso la prima fiera disponibile e ci sono andato: SuperFumettopoli. Sicuramente lo riporterò in coppia con la sua sorellina per un photoset in quanto amo molto questo personaggio e vorrei immortalare qualche bello scatto!  :))

Shinji Kakaroth: Hai partecipato a dei contest durante le fiere? Se sì, hai mai vinto qualche premio?

Giuseppe: Non mi piace molto esibirmi, lo trovo un qualcosa di non necessario. Mi piace immortalare il mio “divertimento” dentro alcune foto, mi accontento di poco! :))


Shinji Kakaroth: Quali sono le tue serie anime/manga preferite?

Giuseppe: Non sono appassionatissimo di Manga, quindi citerò Anime e Videogames 🙂

Anime: Ergo proxy, Code Geass, Barakamon, Zankyou no Terror, No Game No Life, ed assolutamente Bakemonogatari. Quest’ultimo lo reputo un capolavoro: ha tutto. Regia, animazione, doppiaggio e storia eccellenti. Forse ha anche vinto qualche premio o award a riguardo.. ma non ricordo.

Videogiochi: sicuramente la serie di Final Fantasy è la mia preferita insieme a Star Ocean, sono un amante frenetico dei giochi di ruolo giapponesi, ma aggiungerei anche Pokèmon (immancabile!), Devil May Cry, Tekken e Metal Gear Solid.

Shinji Kakaroth: Secondo te qual è l’essenza del cosplayer?

Giuseppe: È un domanda davvero soggettiva ed interpretabile in diverse maniere, ma darò il mio punto di vista: il cosplay è un divertimento, una scusa costruttiva per staccare la spina dal mondo reale e svagarsi su qualcosa che ti impegna nella sua realizzazione, che ti fa imparare nuove cose e conoscere nuove persone. Non è da sostituire al lavoro, rendendolo il proprio obbiettivo nella vita come molti fanno, deve essere un hobby e come tale deve rimanere, a meno che uno non riesca a crearsi davvero un attività con questo tema.. ma la vedo difficile.

Gli hobby ci aiutano a socializzare, a porci nuove sfide e a sopravvivere nei momenti meno belli. Sono i nostri amici immaginari.

Shinji Kakaroth: Che ne pensi del cosplay in Italia?

Giuseppe: Direi che sia parecchio diffuso al giorno d’oggi. Nel lontano 2007 quando ebbe inizio la mia “avventura” era davvero tanto se eravamo 20 cosplayer dentro ad una fiera… Oggi non vedo praticamente quasi più persone che entrano nelle convention per fare acquisti o divertirsi, ma cosplyers che fanno acquisti. È una cosa bella, ed anche se molti la denigrano, io lo trovo un aspetto positivissimo. Perché mai dovrebbe essere un difetto a diffusione di una passione? C’è gelosia, sfida, ambizione, conflitto e concorrenza come in qualsiasi altro ambito della nostra vita.Se non fosse composto da tutto ciò, sarebbe una noia.


Shinji Kakaroth: Hai un sito web, una pagina facebook o un canale youtube?

Giuseppe: Se parliamo di portfolio cosplay, posso lasciare il mio DeviantArt. Se si parla di siti internet veri e propri… credo sia meglio evitare lo spam, data la mia esperienza descritta all’inizio! ;DD

Shinji Kakaroth: Qual è il tuo sogno per il futuro?

Giuseppe: Direi affermarmi nel design sempre di più in quanto amo davvero molto lo studio grafico, e sicuramente continuare a fare cosplay. La cosa perfetta che tutti vorremmo sarebbe andare sull’Isola che non C’è e non invecchiare. ;D

Ma come sogno, tale rimarrà ! :))


E anche per questa settimana è tutto.

Come sempre ringraziamo tutti i fotografi che hanno immortalato i suoi cosplay.

Vi do appuntamento per l’anno nuovo, anticipandovi che restiamo ancora una volta in Italia! ^_-